NOTE IN REPARTO

 La musica in ospedale è un’azione di profonda relazione umana, che vede protagonisti, da un lato, il musicista e, dall’altro, non solo il bambino ricoverato, ma tutto il complesso delle persone che si trovano in ospedale. Nasce così uno scambio di emozioni, di sensazioni e di stati d’animo che può diventare, se ben condotto, estremamente positivo e salutare. Un’opportunità per migliorare un ambiente così particolare e difficile come quello ospedaliero, alleviare dolori e preoccupazioni, diffondere creatività e cultura, contribuendo a tutti quei progetti di “umanizzazione delle cure” che la Fondazione Salesi da anni sta portando avanti con grande passione.

MUSICABILIS Il progetto prevede la presenza di due musico terapeute e di una psicologa a cadenza settimanale per lavorare con i bambini affetti da sindrome di down con l’obiettivo di contribuire al miglioramento della coordinazione motoria e al miglioramento dell’articolazione del linguaggio. Il progetto permette l’instaurarsi di relazioni positive, la stimolazione dell’abbandono dei ruoli e delle dinamiche forte-debole per costruirne di nuove e più efficaci al raggiungimento di un buon funzionamento sociale.

MUSINCANTO La Musica è presente nel reparto di Terapia Intensiva Neonatale con lo scopo di contribuire alla qualità dell’accoglienza e della permanenza dei pazienti e dei loro familiari in ospedale e migliorare le condizioni lavorative del personale in questa delicatissima realtà. La musica, secondo alcuni studi, ridurrebbe nei bebè la sofferenza durante una serie di procedure mediche dolorose e li  aiuterebbe a dormire meglio e a mangiare di più, quindi, a crescere più velocemente. La musica sembra avere, inoltre, effettivi positivi anche su parametri fisiologici quali il battito cardiaco e la respirazione.