Attrezzature acquistate

by Fondazione Salesi, 14 giugno 2012

GRAZIE ALLE VOSTRE DONAZIONI LA FONDAZIONE SALESI HA DONATO  QUESTE ATTREZZATURE:

 

Donazione alla SOD di Pediatria del macchinario Airvo2 Fisher&Paykel  per la somministrazione di ossigeno terapia ad alti flussi.

fondazionesalesi – Outlook Web App

 

Airvo2 Fisher&Paykel per la somministrazione di ossigeno terapia ad alti flussi.

Donazione al Reparto di Oncoematologia Pediatrica 2 letti per degenza altamente tecnologici.
Il nostro GRAZIE va all’ Associazione Good Reasons and Music

foto letti IMG_5808

 

 

20160601_115544

 

 

 

 

 

 

 

 

Donazione di un Lettino Elettrico al Reparto di Neuropsichiatria Infantile 

IMG_5723

 

 

 

 

 

 

Donazione Computer Portatile, Monitor e Memoria

Siamo riusciti a donare  al Reparto di Neuropsichiatria Pediatrica  dell’Ospedale Salesi un Computer Portatile e al Centro Regionale Malattie Rare  un Led  Monitor  e una memoria ACER

 

Bed Buddy per la Terapia Intensiva Neonatale

IMG_4882

 

 

 

 

 

Questi Nidi assicurano ai piccoli pazienti un completo contenimento e favoriscono anche il mantenimento del calore, imitando l’utero della mamma e dando così ai piccoli “Guerrieri” un senso di protezione.

Donazione Lavasciuga

La lavasciuga è stata donata al Reparto di Terapia Intensiva Neonatale del Salesi

IMG_5592[2]

Donazione del Modulo PMM Aurical Mercury

per l’applicazione di apparecchi acustici nei bambini molto piccoli.

L’apparecchiatura è stata donata alla S.O.S. di Otorinolaringoiatria Pediatrica

foto attrezzatura marzo

 

Donazione del Purificatore d’aria della ditta Fellows

per il Pronto Soccorso del SalesiImmagine1

 

Donazione Sistema di Audiometria Comportamentale Infantile

destinato alla SOS di Otorinolaringoiatria Pediatrica dell’ Ospedale Salesi

20150213_131407

 

 

 

Donazione Microscopio

per le diagnosi delle Malattie Rare donato al Centro Regionale delle Malattie Rare dell’ Ospedale Salesi di Ancona

MICROSCOPIO NIKONfoto

 

DOTAZIONE DI ” SALESINA” PER IL CENTRO DI FORMAZIONE SIMONE

Il Centro di Formazione “SIMONE” (SIMulazione e Osservazione NEonatale), è  un progetto ideato nell’ottica di offrire al personale addetto alla cura del neonato nella Regione Marche le ultime tecniche di simulazione, per rispondere sempre meglio alle nuove  esigenze formative.

La Fondazione Salesi ha acquistato SALESINA un simulatore di paziente neonatale, costruito nelle dimensioni reali di un neonato che permette di formare il personale nella maniera più verosimile possibile.

DSC05531

TELEVISORI CON LETTORE DVD

6 televisori con DVD sono stati donati alla SOD di Cardiochirurgia Pediatrica e Congenita

PARAVENTI

Il Blocco Operatorio è stato dotato di 2 paraventi

SEDIE

3 sedie per ufficio e 5 sedie attesa impilabili in tessuto ignifugo sono state donate al Laboratorio di Citogenetica

IMAC 21 E SOFTWARE OSIRIX 64 BIT

Il computer I MaC 21 con sofware Osirix 64 bit consente la rielaborazione delle immagini ecocardiografiche, angiografiche, chirurgiche, di tomografia assiale computerizzata e di risonanza magnetica indispensabili alla SOD di Cardiochirurgia Pediatrica e Congenita

VIDEO GASTROSCOPIO

L’utilizzo del video gastroscopio elettronico ad alta risoluzione e magnificazione d’immagine (completo di accessori: fonte di luce fredda Xenon 100 SCB con pompa di insufflazione integrata, cavo di connessione e video), utilizzato nella Sod di Chirugia Pediatrica e delle Specialità Chirurgiche, permette di discriminare i particolari più fini della mucosa, consentendo di selezionare meglio i pazienti e le sedi viscerali da sottoporre a biopsia, procedura non scevra da rischi, specie nei pazienti più piccoli, ma indispensabile per la diagnosi precoce ed il tempestivo trattamento di lesioni che possono compromettere gravemente la qualità di vita, migliorando così lo standard assistenziale per i giovani pazienti.

COMPUTER

Un computer provvisto del sistema operativo Windows 7  è stato installato alla “Casa della Maternità”

POLTRONCINE

Per allestire una sala della “Casa della Maternità” sono state donate 15 poltroncine ignifughe e impilabili

CULLA TERMICA

E’ stata donata una culla termica alla SOD di Neonatologia

CARRELLO “MASTERLINE” STANDARD IN ACCIAIO

Il carrello Masterline completo di tutti gli accessori è stato donato alla SOD di Neonatologia

BARELLA TRANSPORT P8005

La barella consente di facilitare i percorsi assistenziali nella SOD di Pediatria

NIRS  – NEAR INFRA RED SPECTROSCOPY

La NIRS è uno strumento di monitoraggio che consente di misurare lo stato di ossigenazione cerebrale. Il principio su cui si basa è legato all’interazione tra una luce emessa con spettro vicino al’infrarosso, e un organo in studio. Nel caso specifico, attraverso una piccola sonda posizionata sulla testa del paziente e collegata ad un monitor siamo in grado siamo in grado di sapere se la quantità di ossigeno che il sangue porta al cervello è adeguata.

Sappiamo bene che lo sviluppo del cervello inizia durante la vita fetale e si completa nel corso dei primi anni di vita. L’epoca neonatale in particolare è un momento delicato in cui il sistema nervoso è in rapida crescita ed è allo stesso tempo esposto a condizioni  potenzialmente dannose, specie in chi nasce prematuramente. Nel reparto di Terapia Intensiva Neonatale sono molto spesso ricoverati neonati ad alto rischio di avere esiti neurologicici sfavorevoli (come paralisi cerebrale, deficit cognitivi o deficit sensoriali),  basti pensare appunto ai pretermine con età gestazionale molto bassa,  ma anche ai  neonati con asfissia sottoposti a raffreddamento cerebrale o ai neonati con cardiopatie congenite o chirurgici.

In questi piccoli pazienti è dunque doveroso  cercare di prevenire o quanto meno  di ridurre l’incidenza di tali problemi,  per garantire loro un futuro il più dignitoso possibile.

Ed in questa prospettiva si introduce la NIRS che, permettendo il monitoraggio continuo dell’ossigenazione cerebrale, non direttamente rilevabile dalla normale saturimetria periferica, aiuta il medico neonatologo ad intervenire tempestivamente  per rimuovere quelle condizioni che porterebbero ad un danno cerebrale irreversibile.

MPS 2 “MIOCARDIAL PROTECTION SYSTEM”

Durante gli interventi a cuore aperto su piccoli pazienti affetti da cardiopatie congenite, la circolazione e la respirazione sono garantite da una macchina chiamata cuore polmoni. Una seconda macchina consente di fermare il cuore in una fase di totale riposo, in modo tale da consentire al chirurgo di intervenire al suo interno in sicurezza anche nel cuoricino di pazienti molto piccoli. Questa apparecchiatura permette la somministrazione di farmaci direttamente all’interno delle coronarie, piccole arterie che portano il sangue al cuore. Questi farmaci da una parte tengono il cuore fermo durante tutto l’intervento e dall’altra portano il nutrimento necessario perché il cuoricino non soffra nel momento in cui riprende a lavorare.

Il sistema MPS 2 è una macchina che consente di fermare il cuore. E’ utilizzata nella maggioranza dei Centri di Cardiochirurgia Pediatrica degli Stati Uniti ed è un dispositivo innovativo in questo campo dal momento che garantisce la migliore protezione possibile per i cuori dei nostri piccoli pazienti con un sistema di somministrazione dei farmaci unico nel panorama dei dispositivi in commercio; questa apparecchiatura, inoltre, consente un notevole risparmio di sangue riducendo, quindi, la necessità di ricorrere a trasfusioni.

L’acquisto del sistema MPS 2 offre ai bambini operati presso il reparto di Cardiochirurgia Pediatrica un migliore recupero della funzionalità dei loro piccoli cuori e, quindi, un più rapido ritorno alla vita di tutti i giorni.

WORKSTATION DI ANESTESIA

La workstation di anestesia è un apparecchio all’avanguardia concepito per svolgere gli stessi compiti degli anestesisti: dalla ventilazione al monitoraggio completo.

LAMPADA A FESSURA PORTATILE

La “Lampada a Fessura” consente l’osservazione in visione binoculare ed a forte ingrandimento delle palpebre e di tutta la struttura anteriore dell’occhio (congiuntiva, cornea, acqueo, iride, cristallino, vitreo anteriore). Tale osservazione permette di evidenziare se l’anatomia di tali strutture è integra o affetta da malformazioni, flogosi, ferite, presenza di corpi estranei, ecc.

La “Lampada a Fessura” se è portatile consente la visita oculistica di un paziente allettato (per es. un ferito grave od un operato impossibilitato ad alzarsi per essere osservato in medicazione) o se il paziente è al di sotto dei due anni. In quest’ultimo caso, infatti, è necessario visitarlo su di un lettino ambulatoriale, perché è raro che stia autonomamente e tranquillamente seduto (anche in braccio alla mamma) d’avanti ad una “Lampada a Fessura” per adulti.

L’utilizzo di tali attrezzature è frequente, circa 9.000 bambini tra esterni e ricoverati all’anno.

MINI PACK PER ENDOSCOPIA DELLE VIE AEREE

Questa attrezzatura portatile ha consentito l’attività di endoscopia delle vie aeree incrementando da 20 esami annui nel 2000 a 170 nel 2009. Questi esami sono stati risolutivi per la sopravvivenza dei piccoli pazienti. Questo tipo di atività viene svolta solo nel nostro Reparto per un ambito che comprende l’intera Regione Marche ed alcuni Regioni limitrofe (Abruzzo, Molise, Umbria).

ENDOSCOPIO PER INTUBAZIONE DIFFICILE PER ADULTI, BAMBINI, NEONATI

Questo strumento consente di eseguire intubazioni tracheali in soggetti in cui, per conformazione fisica particolare o per patologie non è possibile con le tecniche convenzionali.

Questo dispositivo assume un vero e proprio ruolo salvavita.

VIDEOLARINGOSCOPIO

Questa attrezzatura facilità la manovra dell’intubazione tracheale facilitandola e così nessuna procedura chirurgica è stata sospesa per intubazione tracheale impossibile.

LONG TERM MONITORING VIDEO – EEG IN BAMBINI AFFETTI DA EPILESSIA FARMACORESISTENTE

Nel giugno 2008 è stata allestita presso i locali della SOD di Neuropsichiatria Infantile una stanza dedicata alla degenza di bambini affetti da epilessia farmacoresistente, dotandola di una unità digitale di registrazione elettroencefalografica e di una videocamera ad alta definizione con illuminatore a raggi infrarossi (Long Term Monitoring Video – Eeg), entrambe con la possibilità di controllo a distanza.

Dal momento della messa in opera ad oggi sono stati raggiunti i seguenti risultati:

  • effettuare registrazioni prolungate (da alcune ore ad alcuni giorni) dell’attività elettrica cerebrale sotto controllo video in 190 bambini
  • definire le caratteristiche semeiologiche ed elettroencefalografiche delle manifestazioni critiche
  • stabilire la sede e l’estensione della zona epilettogena
  • selezionare i soggetti da sottoporre a terapia neurochirurgica
  • effettuare la resezione della zona epilettogena in 25 soggetti (13.1%)
  • preservare la qualità della vita dei piccoli pazienti potendo loro garantire la possibilità di muoversi liberamente nell’ambiente prescelto senza per questo inficiare la qualità dell’esame, evitando nel contempo la immobilità nel letto di degenza.

COAGULATORE BIPOLARE

Il generatore bipolare è un sistema di avanguardia per effettuare la coagulazione ed il taglio sfruttando la tecnologia bipolare di trasmissione della corrente elettrica. La corrente generata è tramessa solo nei tessuti compresi tra i due puntali dello strumento. E’ così possibile coagulare e chiudere efficacemente piccoli vasi cerebrali arteriosi e venosi senza che il calore diffonda e crei danni al parenchima cerebrale o ad altri organi. Nel tempo è divenuto uno strumento essenziale ed indispensabile tanto che è costantemente utilizzato dal neurochirurgo durante gli interventi.

Tale strumento è utilizzato in tutti gli interventi di Neurochirurgia Pediatrica che nel corso del 2009 sono stati circa 100.

La possibilità di usufruire di uno strumento così sofisticato ha consentito una maggiore serenità da parte del chirurgo nell’affrontare patologie sempre più complesse.

RINOFIBROSCOPIO 

Dopo un’opportuna formazione dei medici all’utilizzo di tale attrezzatura è iniziata l’attività nell’ambito dei disturbi della deglutizione, permettendo di migliorare il livello qualitativo della prestazione erogata.

VIDEOGASTROSCOPIO NEONATALE

E’ stato utilizzato nel 50% delle prestazioni endoscopiche del neonato e nel lattante (circa 100 indagine/anno).

Nessun commento


Lascia un commento

Your email address will not be published Required fields are marked *

Tu puoi usare questi tags HTML e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

*